Alici di Menaica 120 gr

15,00

La tecnica di pesca delle Alici di Menaica rimane sempre la stessa, antica e rara come la maestria dei pochi pescatori che ancora la praticano. Nelle serate di mare calmo tra aprile e luglio la menaica è stesa a barrare il percorso al largo delle alici. Nervose e guizzanti d’argento, una volta intrappolate, sono delicatamente liberate dalla rete ad una ad una per poi essere ripulite della testa e delle interiore e quindi sistemate in cassette di legno senza ghiaccio né refrigeranti artificiali. Al rientro in porto, i pescatori le lavorano immediatamente lavandole in salamoia e disponendole in vasetti di terracotta, alternate a strati di sale marino artigianale proveniente dalle saline di Trapani. La maturazione di tre mesi avviene nei cosiddetti ‘magazzeni’, locali freschi e umidi che consentono al pesce di non asciugarsi troppo e di mantenere una carne chiara, tendente al rosa, e un profumo intenso e delicato, ottimale per la consumazione cruda o per insaporire sughi e pietanze cotte.

12 disponibili

Aggiungi alla lista della spesa
Aggiungi alla lista della spesa

Descrizione

«…Un profumo intenso, delicato… Assolutamente uniche…»

Slow Food

«I prodotti che lavoriamo sono la continuazione di una storia iniziata secoli fa»

Donatella Marino, Alici di Menaica

«Perché ve le dovete mangiare solo voi?». La severa sentenza in forma di domanda, quella volta non lasciò spazio ai ripensamenti: se a pronunciarla era Carlo Petrini, presidente nazionale di Slow Food, in visita al ristorante «A Tartana» sul porticciolo di Pisciotta Marina, non si poteva restarsene con le mani in mano. La bruschetta con le alici di Menaica che aveva appena terminato di assaggiare colpì nel segno e per uno cresciuto ‘a pane e alici’ come il signor Vittorio Rambaldo, rappresentava una consacrazione emozionale. Dismise il grembiule da oste e tornò sulla sua amata barca, la menaica appunto, termine con il quale si definisce anche la particolare rete a maglie larghe per la pesca di selezione con la quale catturare esclusivamente le alici più grandi e adulte lasciando passare quelle più giovani e di dimensione ridotta. A completare il sogno che portò al riconoscimento del 2001 del primo presidio Slow Food della Campania, la moglie Donatella Marino (e oggi anche i figli Marco e Serena), con la quale aprì il laboratorio Alici di Menaica.

Frittelle salate di alici e giardiniera

Una preparazione semplice e davvero irresistibile, da servire come alternativa salata e gustosa delle frittelle dolci tradizionali. Una ricetta che richiede pochissimi ingredienti e dal successo assicurato!

Ingredienti per 4 persone

  • Farina 00 250 gr
  • 1 cucchiaino di lievito di birra secco
  • Acqua tiepida 300 ml ca.
  • 1 cucchiaino di miele
  • 5 gr di sale
  • Filetti di alici (Alici di Menaica) 20 gr ca.
  • Giardiniera (La Giardiniera di Anna) 40 gr ca.
  • Olio di semi per frittura q.b.
  • Olio extravergine di oliva biologico Tamìa

Preparazione

  1. In un recipiente mettete la farina, il sale, il lievito e il miele e aggiungete l’acqua tiepida. Lavorate la pastella finché risulterà morbida. Sigillate con la pellicola e fate lievitare per circa 90 minuti al caldo.
  2. Nel frattempo tritate i filetti di alici e la giardiniera. Mettete da parte.
  3. Fate scaldare l’olio in una padella ampia e nel frattempo versate il trito di alici e giardiniera nella pastella preparata incorporandolo delicatamente.
  4. Unite del prezzemolo tritato a piacere e tuffate la pastella a cucchiaiate nell’olio bollente. Girate le frittelle di tanto in tanto e quando risulteranno dorate scolatele su un foglio di carta assorbente. Servitele ben calde.

Valori nutrizionali medi per 100 gr

Valore energetico

137 KCAL - 569,6 KJ

Grassi totali

10,27 gr

Acidi Grassi Saturi

2,91 Gr

Carboidrati

0 Gr

Proteine

19,6 gr

Sale

6,56 gr

Zuccheri

0 gr

Conservazione:

Ingredienti

Informazioni nutrizionali

Valori Medi Per 100g
Energia
n.d. kcal
n.d. KJ
Grassi
di cui saturi
n.d. g
n.d. g
Fibre
n.d. g
Carboidrati
di cui zuccheri
n.d. g
n.d. g
Proteine
n.d. g
Sale
n.d. g

Allergeni